Partite Juve

Crotone Juve 1-1: voti e pagelle dei giornali, Chiesa Flop, Morata Top

Ecco di seguito le pagelle per la gara di Crotone-Juve terminata con il risultato di 1-1. Vi riportiamo sia i voti della gazzetta che del Corriere dello sport:

Crotone Juve voti e pagelle della Gazzetta dello sport

6 Buffon Presenza numero 650, senza grosse parate (Pereira gli tira addosso) ma con tante tensioni.  

5 Danilo Sta più largo a destra. E va presto in difficoltà.

5,5 Bonucci Ingenuo, causa il rigore con un pestone a Reca.

6 Demiral Ricaricato da tre partite con la Turchia, si fa sentire. Gran chiusura su Messias .

6 Frabotta Seconda da titolare su tre, ma meno offensivo. A sinistra non arrivano grossi pericoli.

4,5 Chiesa Debutta con un assist molto bello, nell’unica volta in cui riesce a partire in profondità. Poi non toglie il piede in un contrasto con Cigarini e si prende un rosso diretto. Severo forse, ma giusto.

6 Arthur Se cresce lui, cresce la Juve. Ma il suo lavoro in regia sembra avere bisogno di protezione.

5,5 Bentancur Le fatiche del jet lag si fanno sentire, anche perché il lavoro che deve fare è dispendioso.

6 Portanova Debutto da titolare: la personalità non gli manca, la capacità di attaccare la porta nemmeno. Spreca due palloni che meritano di più.

7 Morata Quel che deve fare lo fa bene: un gol, al termine di un’azione iniziata da lui stesso, un palo di testa, un altro gol annullato dopo lungo consulto alla Var.

6 Kulusevski Terzo ruolo in tre partite, a sostegno di Morata: lancia bene Chiesa nell’azione del pareggio e calcia bene la punizione che lo spagnolo devia sul palo. Poi dà segnali di stanchezza profonda.

6 Cuadrado Un passo più convinto di Chiesa.

5,5 Pirlo Può recriminare sugli episodi, ma il recupero palla e il controllo del gioco non si vedono. La Juve pareggia in contropiede e poi soffre contro una neopromossa.

Pagelle Crotone Juve del Corriere della Sera

6 Buffon Inizia il suo secondo quarto di secolo in porta (stagione numero 26) e vede la Juve soffrire. Per lui, serata tutto sommato gestibile: para Pereira e Siligardi.

5,5 Danilo Un espresso sul binario 2: Reca arriva lanciato e fermarlo è una gran fatica. Palleggia tanto – è lo juventino con più passaggi… – ma si vede che i meccanismi sono nuovi.

5,5 Bonucci Parte male, soffre Simy e concede il rigore. Risale un po’ nel secondo tempo, quando governa in 10 e allontana di testa un pericolo. Meglio con Chiellini, ma questo è facile.

5,5 Demiral Il Demiral 2019 era un gran vino, questa prima versione 2020-21 è un passo indietro: più di una volta in difficoltà con Messias. Due belle chiusure nel finale, preziose.

6 Bentancur In difficoltà come tutta la Juve davanti alla difesa: la coppia con Arthur era piaciuta di più a Roma. La vita nel 3-2-5 non è semplice, Benta ci mette grinta e gioca 37 palloni più di Arthur. Inatteso.

5 Arthur La colla sulle scarpe funziona come sempre: pallone attaccato al piede. Però parte maluccio, soffre davanti alla difesa, non fa la differenza sulla trequarti. Sostituito.

5,5 Portanova Un ritratto in due azioni: due inserimenti super, la specialità della casa. Il problema è che sulla palla buona, davanti a Cordaz, gli tira addosso: la potenza è nulla senza scavetto.

5,5 Frabotta Titolare come con la Samp e trova Pereira, che ha un anno più di lui ma è su questi schermi da una vita. Va sotto nel duello ma la Juve soffre dall’altra parte, non a sinistra.

6 Kulusevski Due fasci di luce: l’azione del gol nasce dai suoi piedi, come l’assist per la prima occasione di Portanova. Più vicino alla sua posizione ideale ma non convincente come alla prima.

6,5 Cuadrado Benzina verde dalla panchina: si mette a destra e, con la Juve in dieci, si sdoppia: chiude la fascia in fase difensiva, quasi dà l’assist della serata a Morata. Prezioso.

6 Bernardeschi Dentro per Kulusevski quando la squadra è bassa: ha un paio di ripartenze ma… rinuncia.

6 Rabiot Dentro in mezzo al campo per 20 minuti complessi. Ma il Crotone non ha più la forza di spingere.

7,5 Morata Alvaro lui, al varo soprattutto la Juve: creatura nuova, per una sera risolve lo spagnolo col 9. Con democrazia: un gol lo fa lui, un altro glielo annullano, uno quasi lo fa segnare a Portanova. In omaggio, un palo.

5 Chiesa Volontà tanta, da donare in beneficenza: si propone sempre. Lucidità, molta meno: lascia campo a Reca e soprattutto lascia la Juve in 10. Quel fallo, al di là della moviola, resta ingenuo. Il meglio? L’assist, chiaro.

5,5 Pirlo Un cantiere grande come il ponte sullo Stretto. Rischia con Portanova (che non fa male) ma l’impressione di “mai provato prima” è grande come mai: il Crotone a tratti controlla. Bene l’idea Cuadrado: lì la Juve cresce.

Stefano Rodino
Giornalista, nato a Torino e tifoso bianconero. . Da Giugno 2011 a luglio 2013 lavora presso il sito sportivo BetItaliaWeb come redattore full time, web copy editor. Da ottobre 2009 a maggio 2011 ha scritto articoli sportivi all'interno del network blogo. Da ottobre 2009 a maggio 2011 ha curato la sezione di strategia ed il blog ufficiale della poker room 4A suite e collaborato con la rivista Poker Texas Hold'em. Da giugno 2008 a dicembre 2009 ha lavorato presso la redazione di Sprint&Sport. Dal 2004 ha collaborato con la rivista cartacea The Games Machine. Fondatore di pensionipertutti.it e FinoallaJuve. Provocatore per diletto, polemico quanto basta e innamorato del mio bouledogue francese Artù.
https://finoallajuve.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *