Juve-Atalanta 1-1: analisi e riassunto della gara di Serie A

Finisce 1-1 contro l’Atalanta, dopo una partita durissima, con una fisicità mostruosa, contro un avversario, l’Atalanta, che gioca con un’intensità incredibile, e fin dall’inizio ha posto la partita sullo scontro fisico, senza troppi complimenti.

La Juventus credo, abbia confermato i progressi visti nelle ultime gare: buono sviluppo del gioco, certamente non favorito dall’uscita di Arthur, che la in mezzo è l’unico sul quale poter contare per tenere il pallone e smistarlo con ordine, Rabiot e Benta corrono molto di più, ma puntano sulla quantità. Risentiamo molto della sua uscita dal punto di vista del gioco, ma non per quanto riguarda le occasioni.

Juve-Atalanta: top e flop dei giocatori

• Oggi, proprio in base a questo, Ronaldo e Morata male. Il primo non riesce a sbloccarsi su rigore, e in generale partecipa poco alla manovra offensiva; il secondo è impreciso sotto porta in ben 3 occasioni: sulla prima, troppo altruista nel cercare Ronaldo, per il resto trova un grande Gollini, ma lui può fare meglio, e lo sa. La partita di Alvaro è stata complicatissima, per 85’ costretto allo scontro stra-fisico contro Romero e chiunque lo marchi. Botte, botte e ancora botte. Non facile. Oggi ha trovato un grande portiere di fronte, è stato impreciso, ma ha sempre concesso un buono sviluppo della manovra offensiva. È mancato quello che sa fare meglio: gol. Oggi l’attacco ci ha un po’ deluso, come sempre abbiamo il dovere di chiudere le partite.

• Chiesa segna un gol meraviglioso, si conquista il rigore, forse viene poco servito nei suoi costanti tagli verso l’area: si conferma in un ottimo periodo di forma.

• Bentancur corre per 10, insegue gli avversari, è un giocatore importante; aggiungesse un po’ di qualità nel proporre e negli inserimenti, sarebbe già un grande, ma ha ancora margini di crescita.

• Rabiot entra male, male in partita, sbaglia tocchi, controlli, non si propone al meglio in attacco, sembra sempre molto lento. Perde la palla che consente a Freuler di pareggiare, oggi non sufficiente.

• Mckennie è dotato di una grande intelligenza, nel posizionamento e nel proporsi in avanti, ma anche nel correre all’indietro: al momento, uno degli uomini più in forma, difficilmente non schierabile nell’XI titolare.

• De Ligt oggi ha giocato una partita mostruosa: Bonucci non da meno, ma il primo, a differenza di Leo, riesce a tenere costantemente testa a Zapata, che da sempre, senza mezzi termini, riesce a superare Leo e a dominare su di lui, fisicamente soprattutto.De Ligt è di ferro.

• Ultimo appunto: a mio avviso, Dybala sarebbe dovuto entrare almeno 10 minuti prima, nel momento in cui era percepibile che non riuscivamo a tenere il pallone in avanti, vista anche la stanchezza degli attaccanti e della squadra in generale, contro un avversario che, mamma mia, corre tantissimo, e fisicamente mette a dura prova chiunque, soprattutto negli esterni.Forse era il caso di formare il tridente? Forse si, ma l’equilibrio contro l’Atalanta è fondamentale, basta una palla persa, una corsa mancata all’indietro, e ti puniscono.

Juve Atalanta 1-1: il pareggio è un punto guadagnato?

• Un momento di sbandamento sull’1-1 non mi impedisce di dire che questa è stata una partita molto ben giocata dalla Juventus, dove un super Gollini (e anche un ottimo Szczesny), complici anche attaccanti non precisi, è riuscito ad impedire alla propria squadra la sconfitta.

• 1 punto non ci accontenta, perdere punti non è mai bello, ma sono fermamente convinto che sia stata intrapresa la strada giusta. Punti sanguinosi persi, rimpianti, un vero peccato, ma in un campionato che stenta ancora a decollare.1 punto contro l’Atalanta, ottenuto in questo modo, è comunque diverso rispetto ai pareggi di Crotone e Benevento. Non troveremo sempre Gollini di fronte, non troveremo sempre avversari che vanno a 1000 all’ora, e sono quelle le partite che NON possiamo sbagliare. Questa non l’abbiamo sbagliata, per niente. Non lasciamo sfuggire gli avversari, continuiamo a migliorare partita dopo partita, e i risultati arriveranno. Forza ragazzi, continuiamo a lavorare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *