Tattica

Juve-Toro 2-1: analisi, commento e Highligh del 5 dicembre

McKennie ci ha fatto vincere la gara. Il suo ingresso da una spinta decisiva per la grinta e la pericolosità della Juventus, dopo una prestazione piattissima. Una spinta provvidenziale, che salva la Juventus peggiore vista finora. Per 60 minuti, la Juventus più brutta della stagione, che non conferma i passi avanti visti solo 3 giorni prima con la Dinamo. Manca Alvaro e questo pesa nei nostri movimenti offensivi: l’area è sempre semivuota, con Kulusevski e Chiesa che non trovano il modo di concludere l’azione sul lato opposto, con cross sterili e giocate prevedibili.

Una Juventus che tira in porta per la prima al 45’ con Dybala, dopo aver subito il gol al 9’, dopo un rimpallo in area, dove sarebbe richiesta più attenzione.• Reparti slegati, pressing inesistente, errori tecnici e impossibilità di trovare l’uomo tra le linee: i primi 60’ sono da horror.

I peggiori in campo si sprecano: su tutti, credo che Kulusevski e Dybala abbiano dato il loro peggio. Anche Rabiot non scherza. Per avere una reazione d’orgoglio, dobbiamo aspettare il gol annullato a Bonucci: che la sua posizione fosse realmente influente o no, non mi interessa, il pareggio per quanto fatto fino a quel momento, non era neanche lontanamente meritato.

Da quel momento, seppur con molta più confusione, riusciamo a tenere il pallone. Le occasioni non fioccano, Ronaldo non è in giornata e commette errori non da lui, siamo in difficoltà. I migliori, o per meglio dire, quelli che corrono più degli altri, sono Chiesa e Bentancur, che spesso rincorrono anche gli avversari all’indietro, e fermano ripartenze pericolose, spirito da apprezzare.

WESTON MCKENNIE, CLONATELO.Probabilmente, il meno dotato tecnicamente nel nostro centrocampo (e neanche ne sono sicurissimo), entra in partita quando siamo sotto, corre, lotta, morde gli avversari, ma soprattutto, SI INSERISCE IN AREA DI RIGORE, AMEN. Il pallone di Cuadrado è telecomandato, la posizione è regolare, siamo sull’1-1, nella prestazione peggiore della stagione. Al minuto 89, ancora una volta un cross meraviglioso di Cuadrado, stavolta la insacca Leo, siamo avanti. Ancora una volta, un derby deciso in prossimità dello scadere. Ci fa bene al morale, alla classifica, da continuità dopo il brutto stop di Benevento la scorsa settimana. Ma ciò non toglie che ci siano state tante, ma tante, tantissime, enormi difficoltà nell’ottenere questi 3 punti. Senza Arthur soprattutto nel palleggio siamo andati in difficoltà; con poca lucidità di Kulusevski, Dybala, Ronaldo, e in generale tutta la Juventus oggi poco cattiva: tutti tranne uno, è americano, è arrivato sotto traccia, e ci ha salvato la pelle! La vinciamo, c’è sempre da lavorare, ma il risultato non cambia il giudizio sulla prestazione globale, pessima fino alla reazione a partire dal 60’, poi molto più convinti seppur poco pericolosi.

Chiesa, Bentancur, Juan e WESTON. Dopo Cuadrado qualche anno fa, dopo Pirlo, anche questo lo vinciamo in rimonta, in extremis, dopo tante difficoltà.La prestazione mi lascia intendere che non sarà un cammino in discesa: ma questi 3 punti, sono MOLTO IMPORTANTI. Detto questo, innegabile che lo stesso Andrea stia trovando molte difficoltà: non per questo non lo si deve sostenere, un percorso lo si fa tutti insieme, non possiamo vincere sempre, vorremmo sempre di più, questo è ovvio. Così com’è ovvio che, nelle tantissime avversità, si DEVE RESTARE UNITI. Forza ragazzi! Continuiamo a lavorare, tutti nella stessa direzione, tutti uniti nelle difficoltà!

Highligh Juve-Toro

Stefano Rodino
Giornalista, nato a Torino e tifoso bianconero. . Da Giugno 2011 a luglio 2013 lavora presso il sito sportivo BetItaliaWeb come redattore full time, web copy editor. Da ottobre 2009 a maggio 2011 ha scritto articoli sportivi all'interno del network blogo. Da ottobre 2009 a maggio 2011 ha curato la sezione di strategia ed il blog ufficiale della poker room 4A suite e collaborato con la rivista Poker Texas Hold'em. Da giugno 2008 a dicembre 2009 ha lavorato presso la redazione di Sprint&Sport. Dal 2004 ha collaborato con la rivista cartacea The Games Machine. Fondatore di pensionipertutti.it e FinoallaJuve. Provocatore per diletto, polemico quanto basta e innamorato del mio bouledogue francese Artù.
https://finoallajuve.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *